Trattate i miei articoli come ispirazione. Pensate a come i miei suggerimenti potrebbero funzionare nel vostro contesto. Il mercato dell'artigianato è molto ampio. Le mie osservazioni sono generalizzate e non saranno necessariamente vere in ogni caso.

Quali sono i requisiti legali per vendere artigianato online?

Rinfreschiamo alcuni contenuti del mio blog. Oggi torno con l'argomento che è stato il primo che ho toccato appena ho aperto il nostro gruppo a luglio dell'anno scorso, quali sono gli aspetti legali da prendere in considerazione quando si vendono prodotti online, ma anche nel contatto diretto con i clienti.

Perché ho iniziato con questo argomento? Sto osservando il mercato da molto tempo, ho notato, soprattutto quando si tratta delle cosiddette Vendite da Facebook, che poche persone hanno anche le loro politiche. Vado pazzo per gli aspetti legali e non posso immaginare di agire di fatto in modo illegale. La cosa peggiore è che molte persone non sanno che hanno bisogno di termini! Perché, dopo tutto, anche gli altri non li hanno, o chi li controllerà... Ma ricorda che se agisci senza i requisiti legali di base, corri davvero un rischio. Tutto va bene fino ad un momento. Fino a quando non vi imbatterete in un cliente consapevole o in una concorrenza gelosa che vi metterà semplicemente in crisi. Purtroppo, queste situazioni accadono anche e ho letto abbastanza storie sui gruppi...




Ascolta "Aspekty prawne działalności. Jak stworzyć dobry regulamin? [ HANDIEU PRO ]" su Spreaker.

Non voglio spaventarvi con questo argomento, non preoccupatevi, ma vorrei mostrarvelo da un'altra angolazione.

Ma prima permettetemi di ricordarvi che il mio riassunto non è una consulenza legale, io stesso non sono un avvocato. Pertanto, vi suggerisco di dare un'occhiata più da vicino ai requisiti del vostro paese e dei paesi in cui inviate i vostri prodotti, o di investire in un'assistenza legale affidabile.

Prima di tutto, vorrei mostrare il regolamento da un'altra angolazione. Non come un dovere doloroso, ma come qualcosa che ti protegge anche!

Ora immaginate una situazione del genere. Un cliente ci dice che vuole comprare qualcosa. Vi mettete d'accordo, lui sceglie i colori, si è impegnato a mandare il pagamento, ma è sotto una grande pressione temporale, così andate al negozio, comprate i materiali e iniziate a preparare il prodotto. Dopo due giorni, controlli il tuo conto bancario e i soldi non ci sono ancora. Così si parla culturalmente con il cliente se ha già inviato il pagamento. Si scopre che si è dimenticato di dirtelo, ma non comprerà da te perché ha trovato qualcos'altro. E ti rimane il costo dei materiali che, nella migliore delle ipotesi, fanno un prodotto per qualcun altro, ma comunque ...

Una situazione diversa, più rara, ma capita anche, perché ho visto descrizioni di eventi nei gruppi, che si accetti il pagamento dopo che il cliente riceve il pacco. Il cliente può aver fatto riferimento a questi siti internet che vuole essere sicuro che il pacco arrivi prima, che non stia pagando il truffatore ecc. Quindi, per dimostrare la sua credibilità, accetta questi termini. Poi si scopre che il cliente ha ricevuto il pacco ma non l'ha pagato. Ancora peggio, è crollato nel terreno. E forse potresti in qualche modo rivendicare i tuoi diritti anche in tribunale con il suo indirizzo, ma beh - come venditore non avevi nemmeno i termini! E chi andrebbe in tribunale per una somma così piccola...

Quali sono le conclusioni?

Prima di tutto, dimostra la tua credibilità creando delle politiche per gli acquisti nel tuo negozio - indipendentemente dal fatto che tu abbia il tuo sito web o operi su Facebook - stai vendendo ai clienti! Le politiche aumentano la tua credibilità, mostrano la tua professionalità, ma ti proteggono anche! I regolamenti sono come un contratto tra te e il cliente, è vincolante per entrambe le parti.

Spero che ora sia chiaro che non solo è necessario, ma vale anche la pena di creare dei termini. Allora, come ci si avvicina a questo argomento?

In primo luogo, poiché vendete ai consumatori, ci sono alcune regole per proteggere i vostri diritti come consumatori. Ti consiglio di leggerle per sapere quali clausole sono permesse e quali addirittura vietate. E questo ti sarà utile anche per i tuoi acquisti quotidiani online, perché in fondo anche ognuno di noi è un consumatore!

Le politiche devono contenere elementi chiaramente definiti, come le proprietà del prodotto, i termini della transazione stessa, attraverso quali metodi di pagamento è possibile effettuare un acquisto, ma anche quando e come è possibile cancellare, reclamare o restituire il prodotto! Poi, come verrà effettuata la spedizione e qual è la data di consegna del prodotto dal momento dell'ordine.

Quindi discutiamo brevemente ognuno di questi punti:

Descrizione del prodotto

In primo luogo, la descrizione del prodotto. Il prodotto deve essere descritto in modo che il cliente sappia il suo scopo, di cosa è fatto, se è adatto all'uso da parte dei bambini, come mantenerlo e usarlo, che dimensioni e peso ha, ma anche quanto tempo ci vuole per crearlo, quindi in pratica quando può aspettarsi che sia pronto per la spedizione.

Ne parlo perché la descrizione del prodotto è trascurata. Dopotutto, sono cose ovvie, o si può vedere nella foto a cosa serve. Purtroppo, non tutti lo sanno, e ci sono persone che sono consapevoli della legge, anche approfittando del fatto che non si include qualcosa e si possono avere problemi, purtroppo. D'altra parte, non è stupido scrivere di queste "cose ovvie". Funziona anche a vostro vantaggio. Ci sono persone che non sanno necessariamente qualcosa. Gli piace anche qualcosa a prima vista, ma scoprono che non sanno nemmeno a cosa serve. Piuttosto, non chiedono perché non vogliono sembrare stupidi. Tuttavia, se diamo loro queste risposte su un vassoio, è possibile che li convinceremo, e mostreremo di nuovo la nostra professionalità.

Operazione

La seconda questione è la transazione e quando il contratto è vincolante. Il cliente deve sapere quali tipi di pagamento accettate e quando conta il tempo di esecuzione e consegna dell'ordine.

Cancellazioni, resi e reclami

Ulteriori cancellazioni, reclami e resi. Tre concetti simili e spesso confusi, che dovrebbero essere trattati separatamente, quindi vi spiegherò le differenze tra loro.

L'ordine viene annullato quando il cliente ha già effettuato l'ordine, magari anche il pagamento, ma ha cambiato idea prima di ricevere il prodotto. Il reclamo si riferisce a una situazione in cui il prodotto è stato consegnato danneggiato o non come descritto. Tuttavia, nel caso di una restituzione, il cliente, in alcuni casi, non deve nemmeno fornire un motivo e può rispedire il prodotto già ricevuto.

Di regola, quando si tratta di prodotti "disponibili sul posto", il cliente ha diritto a tutti, così come a restituire la merce entro 14-30 giorni a seconda del paese di origine del consumatore, alla cancellazione e al reclamo. Tuttavia, se il prodotto è fatto su ordinazione, in conformità con la legge, si può anche riservare la possibilità di rifiutare la cancellazione e la restituzione. I reclami possono ancora essere utilizzati dal cliente. Dico questo anche perché, nonostante il fatto che risulti dalla legge, purtroppo le persone non ne sono consapevoli, a volte danno per scontato che tutti i prodotti hanno diritto a 14 giorni per un ritorno, quindi penso che valga la pena di sottolineare sulle vostre politiche. Potete anche fare riferimento a normative specifiche per aggiungere qualche punto alla professionalità 😊

Quindi come faccio a mettere insieme i miei termini e le mie politiche per il mio business fatto a mano?

Personalmente, penso che avendo un tale avvento come un marchio molto personale, scriverei nei termini, perché c'è questa o un'altra regola, in un modo umano normale. Ho visto molte volte questo secco "non accettiamo frasi" e mi sembra che si può cercare di più per rendere il linguaggio amichevole per le persone. Questo è anche descritto negli atti di legge - le polizze devono essere leggibili e comprensibili per il consumatore. Non hanno bisogno di essere scritte in un linguaggio giuridico elevato. Si può scrivere per esempio che nel caso dell'acquisto di un ordine su misura, si comprano materiali e si crea qualcosa di unico, che risulta anche da tali e tali norme, e quindi non si accettano resi. È una spiegazione chiara e nessuno si sentirà male per questo.

Quando si tratta di cancellazioni o modifiche dell'ordine, credo che si possa andare un po' avanti con le aspettative del cliente e dargli per esempio 24 ore, tenendo conto che dopo questo tempo si ordina il proprio materiale. I casi sono diversi. Può succedere che il cliente abbia sbagliato i colori e preferisca un altro. In questo modo si è più flessibili. Certo, credo che se lui scrive, probabilmente non gli faresti problemi, ma cosa succede se ordini i materiali velocemente. A volte è meglio non avere troppa fretta 😊

GDPR

E infine, la ciliegina sulla torta, che è il terrificante GDPR e la politica sulla privacy. In generale, ci sono alcuni aspetti che devono essere considerati, come chi è il controllore dei dati, per quale scopo conserviamo ed elaboriamo i dati, per quanto tempo, ecc. Anche se non raccogliamo i dati dei clienti, usiamo i dati solo per soddisfare gli ordini, questo dovrebbe essere sottolineato. E se vogliamo usare i dati anche per scopi di marketing, allora dovremmo avere un permesso separato per ogni scopo. Ma consiglio sicuramente di leggere sull'argomento o di parlare con uno specialista per sentirsi più tranquilli. Questi sono argomenti molto interessanti, perché vi ricordo ancora una volta - siamo anche consumatori ed è bene sapere quali sono i nostri diritti.

E quali sono i punti non obbligatori del regolamento o del vostro contenuto che vale la pena di prendere in considerazione?

Up-sales e Cross-sales

Quando si descrive il prodotto in sé, vale la pena suggerire prodotti che possono essere interessanti per il cliente, perché sono o prodotti che corrispondono al set o altri sostituti "più costosi". Questi sono i cosiddetti up-sales e cross-sales. Dato che il cliente sta già guardando un nostro prodotto, è possibile che sia tentato di aumentare il suo ordine in questo modo.

Garanzie

Un'altra questione sono le garanzie. Oltre alla possibilità di restituzione, si possono aggiungere le garanzie sui prodotti. In questo modo, le garanzie differiscono dai reclami o dai resi, che sono regolati in una certa misura, che non sono un obbligo ma una buona volontà del produttore. Tuttavia, bisogna ricordarsi di definire chiaramente cosa riguarda la garanzia e come richiedere il suo riconoscimento.

FAQs - le domande più frequenti

Importante, e purtroppo molte persone non lo usano, queste sono le domande più frequenti. Ho sentito molte volte quanto sia difficile rispondere alle stesse domande su Messenger ad ogni cliente... Quanto siano fastidiose... Beh, è piuttosto un segnale per noi che qualcosa sul nostro sito non è leggibile e richiede un chiarimento. O che Facebook potrebbe non essere il posto migliore per vendere e vale la pena investire, per esempio, in un proprio sito web o all'inizio collegarsi a una piattaforma e avere tutto in bianco e nero lì.

In che altro modo si può beneficiare?

Sia le domande frequenti che le brevi risposte sono ottimi strumenti SEO. Come ho detto prima, scrivere domande complete e poi rispondere è molto apprezzato dai motori di ricerca. Perché sto parlando di un motore di ricerca? Perché si può scoprire che avete un prodotto simile alla concorrenza, ma il cliente non ha trovato la risposta sul suo sito web, ad esempio per quanto riguarda le specifiche, i metodi di manutenzione, ecc (dopo tutto, si sa quante persone non hanno preparato, e si può essere avanti ora! ). E poi il potenziale cliente cercherà le risposte su Internet, si imbatterà casualmente in te e forse deciderà per il tuo prodotto? ... Pensaci!

E di cosa si deve tener conto, a parte i regolamenti?

Registrazione delle imprese

Prima di tutto, quando si inizia un'attività a scopo di lucro, bisogna verificare in quale forma possiamo condurla, quali sono i limiti, ad esempio per le vendite non registrate o spontanee, e come costituire un'impresa, quali formalità bisogna seguire. Nel caso di vendita tramite piattaforme straniere, c'è anche la questione di ottenere un numero di IVA UE, che è un tale numero di contribuente internazionale. Possiamo essere esenti dal pagamento dell'IVA, ma ne avremo comunque bisogno per regolare i conti con entità straniere. Certamente se gestiamo una società.

Nome della marca

In secondo luogo, quando scegliamo il nome del nostro marchio e l'area della nostra attività, dovremmo controllare se non stiamo violando i diritti di nessuno. Potrebbe risultare che qualcuno ha registrato un marchio simile o con un nome molto simile e potremmo avere problemi in seguito. E lo stesso vale, forse vale la pena pensare di registrare il nostro marchio o brevettare alcuni prodotti? Dipende ovviamente dal tipo di artigianato, quindi consiglio di verificare se è possibile, quali sono i costi e, per esempio, pianificare la registrazione man mano che il nostro marchio cresce. Come forse saprete, anche io ho registrato il marchio HANDIEU, c'è voluto quasi mezzo anno, ma mi dà un senso di sicurezza che ora nessuno potrà usare il mio nome.

Licenze

Quando create i vostri prodotti, assicuratevi di non violare altre licenze, per esempio vendendo qualcosa con Mikey Mouse, perché presumo che non abbiate comprato una licenza dalla Disney... È abbastanza rischioso, perché se pubblicate ancora tali prodotti su Facebook, da varie parti, è molto facile da dimostrare. Inoltre, la maggior parte di voi opera sotto il proprio nome, il che significa che siete responsabili con tutti i vostri beni per eventuali violazioni della legge nel corso del business. Questo è uno dei sorprendenti problemi di valutazione del rischio che ho notato in questo mercato e di cui parlerò nel mio webinar sui rischi, ma anche il tema della proprietà intellettuale stessa vi sarà introdotto dal mio amico che è un avvocato specializzato in questo settore.

Invio di pacchetti

Quando spedisci prodotti in altri paesi ci possono essere alcuni regolamenti riguardanti la gestione dei rifiuti. Potrebbe essere necessario registrare il pacco e pagare la tassa appropriata.

Spero che questa visione degli aspetti legali vi aiuterà anche a capire alcune cose nella vostra testa, ma cercherete anche supporto su argomenti specifici, avendo una certa idea di cosa prestare attenzione.

Buona giornata e a presto!

Aga

Informazioni importanti:
Ti piace quello che creo qui? Questo è il mio contenuto gratuito e apprezzo se lasci un commento, segui i miei social media e dammi qualche pollice in su per continuare a scrivere! 😊 passa la notizia ad altre persone che potrebbero trarne beneficio!

Se vuoi essere aggiornato quando pubblico nuovi articoli - unisciti alla newsletter. Non faccio spam, scrivo solo quando ho qualcosa di prezioso da condividere 😊

Se ti piace quello che creo, sei nella fase di creazione del tuo marchio e stai cercando un condensato di conoscenze su come prepararti, ti consiglio il mio eBook - in punti, problema per problema, soluzione dopo soluzione 😊

Vuoi far parte della nostra comunità HandieU - unisciti a noi nel gruppo, , suggerire argomenti che potrei discutere 😊

E quando sarete pronti a vendere in Europa - fare domanda a HandieU!

Articoli correlati:

Categorie:

Nessuna risposta ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie di articoli
Prodotti